Alla scoperta della Via Dolorosa di Gerusalemme

18 feb 2018  |   di: Ready4trips  |    commenti (0)

La Via Dolorosa, o Via Crucis, è l’ultima strada che ha percorso Gesù portando la croce dal Pretorio al Golgota, dove fu crocifisso. Oggi è possibile rivivere tutte le tappe del suo cammino in un percorso che si compone di 14 "stazioni" segnalate sulle strade di Gerusalemme.

La mappa della Via Dolorosa

Il percorso inizia dal Lion’s gate, una delle sette porte di Gerusalemme, e dura poco più di un’ora snodandosi per la città vecchia fino alla Chiesa del Santo Sepolcro.

L'insegna della Via Dolorosa sui muri della città

In questo articolo ripercorriamo insieme le 14 tappe della Via Dolorosa, se state cercando dei consigli pratici su come percorrerla senza aver bisogno di una guida locale cliccate qui.

I° STAZIONE: GESÙ È CONDANNATO A MORTE NEL PRETORIO

Entrate nella città vecchia dal Lion’s gate lasciandovi alle spalle il Monte degli Ulivi e proseguite per un centinaio di metri, qui incontrerete sulla sinistra la prima stazione della Via Dolorosa.

Il Pretorio, la prima stazione della Via Dolorosa

In questo luogo Gesù venne condannato a morte dal procuratore romano Ponzio Pilato e da quel momento iniziò il suo calvario. Oggi questo luogo ospita la scuola islamica di El–Omariye.

II° STAZIONE: LA CAPPELLA DELLA FLAGELLAZIONE E DELLA CONDANNA

Di fronte alla prima stazione troverete la successiva, dove, secondo la tradizione, i romani insultarono Gesù, lo derisero, lo vestirono in abiti da re, gli misero la corona di spine sul capo, lo frustarono e gli diedero la croce da portare.

La seconda stazione della Via Dolorosa

Qui oggi sorge un cortile ed una chiesa per commemorare quanto accaduto.
Una volta usciti, pochi metri più avanti è visibile il famoso Arco dell’Ecce Homo.

L'arco dell'Ecce Homo

Ponzio Pilato pronunciò qui sotto le famose parole (che significano Ecco l’uomo!) presentando Gesù alla folla, che pochi minuti prima scelse di liberare Barabba al suo posto.
Superato l’arco, dopo pochi passi troverete sulla destra la prigione dove è stato detenuto Gesù insieme a Barabba.

Questo punto, come l’arco appena passato, non è parte della Via Dolorosa ma è molto suggestivo e vi consigliamo di visitarlo.

III° STAZIONE: GESÙ CADE PER LA PRIMA VOLTA

Una volta arrivati in fondo alla strada delle prime due stazioni girate a sinistra ed incontrerete dopo pochi metri la terza e la quarta stazione.
Queste sono una accanto all’altra, vi troverete davanti all’entrata di una piccola cappella sulla sinistra (la terza stazione) e ad un cortile con una chiesa sulla destra (la quarta stazione).

L'entrata della terza stazione della Via Crucis

La terza stazione indica la prima caduta di Gesù mentre porta la croce. All’interno è possibile vedere una statua che commemora quel momento.

La statua che commemora la prima caduta di Gesù durante la Via Crucis

IV° STAZIONE: GESÙ INCONTRA SUA MADRE

Questa stazione, dove sorge una chiesa cattolica armena, commemora il luogo in cui Gesù incontra sua madre.

L'entrata della quarta stazione della Via Dolorosa

Una volta all’interno della chiesa troverete una scala che scende fino alla statua che raffigura l’incontro tra Gesù e Maria.

La statua che commemora l'incontro tra Gesù e Maria

Seguendo il corridoio a sinistra della statua uscirete dalla piccola cappella della terza stazione.

V° STAZIONE: SIMONE IL CIRENEO AIUTA GESÙ A PORTARE LA CROCE

Questa piccola cappella francescana fu costruita nel 1895 e segna il punto in cui Simone il Cireneo, un pellegrino venuto a Gerusalemme, aiutò Gesù nel momento in cui non fu più in grado di portare il peso della croce.

La quinta stazione della Via Dolorosa

La scritta in latino sulla porta “Simone il Cireneo aiuta Gesù a portare la croce” indica questo momento. All'interno della piccola chiesa, sopra l'altare, vi è una statua dorata che raffigura questo momento. 

VI° STAZIONE: VERONICA ASCIUGA IL VOLTO DI GESÙ

La sesta stazione è una piccola cappella che commemora il momento in cui una donna, Veronica, si scosta dalla folla per avvicinarsi a Gesù e asciugargli il volto. L’immagine di Cristo rimase impressa nel tessuto.

La pietra con l'incisione che parla di Veronica nella sesta stazione

Questo evento non viene riportato dal Nuovo Testamento, il vero nome della donna era Beretrice e arrivò a noi come Veronica dalla combinazione delle parola latina "vera" e dalla parola greca "eikon" che significa "immagine".
A commemorare questo luogo, dove tra l'altro nel medioevo veniva localizzata la casa di Veronica, oggi troviamo una pietra con un'incisione che racconta il gesto della donna.

VII° STAZIONE: GESÙ CADE PER LA SECONDA VOLTA

La settima stazione è proprio davanti ad una chiesa francescana costruita nel 1875.

La settima stazione della Via Dolorosa

In questo luogo Gesù cadde per la seconda volta, probabilmente per la salita ripida verso il calvario.

VIII° STAZIONE: GESÙ INCONTRA LE DONNE DI GERUSALEMME

Qui noterete una  pietra incastonata nel muro che indica il punto in cui Gesù incontrò le donne di Gerusalemme.

La pietra incastonata nell'ottava stazione della Via Dolorosa

Su di essa vi è incisa una croce Latina e le iscrizioni in greco “IC”, “XC” e “NIKA” che significano “La vittoria di Cristo”.

IX° STAZIONE: GESÙ CADE PER LA TERZA VOLTA

La nona stazione si trova all’entrata di un monastero copto, è un po’ più difficile da trovare rispetto alle altre ma chiedendo aiuto ai negozianti per le strade ci arriverete in pochi minuti.

La nona stazione della Via Dolorosa

Gesù arriva qui esausto e deriso dai soldati romani, è quasi arrivato al Golgota dove sarà crocifisso. Proprio in questo punto la tradizione indica la sua terza caduta.

X° STAZIONE: GESÙ VIENE SPOGLIATO DEI VESTITI

La decima stazione si trova davanti alla Basilica del Santo Sepolcro.

L'entrata della Chiesa del Santo Sepolcro segna la decima stazione

Nel luogo in cui oggi sorge il cortile della chiesa i soldati romani tolsero la croce dalla schiena di Gesù e lo spogliarono di quasi tutti i suoi vestiti.

XI° STAZIONE:GESÙ VIENE INCHIODATO ALLA CROCE

All’interno della Basilica del Santo Sepolcro, a destra, ci sono degli scalini ripidi che conducono al piano superiore. Qui sorgeva il Golota, la piccola collina su cui Gesù fu crocifisso.

Il mosaico della crocifissione sulla parete dell'undicesima stazione

Oggi vi è una cappella greco ortodossa gestita dai francescani, i soffitti e le pareti sono decorate con dei mosaici bellissimi, quelli sul soffitto a sfondo blu mentre sulla parete di fronte a voi è raffigurata la crocifissione.

XII° STAZIONE: GESÙ MUORE SULLA CROCE

La dodicesima stazione indica il luogo in cui Gesù morì. Anche questa si trova all’interno della cappella greco ortodossa accanto all'undicesima stazione.

La dodicesima stazione, il luogo della crocifissione

Il soffitto è decorato con stelle ed angeli dipinti su fondo blu mentre dietro l'altare, al centro della cappella, un grande crocifisso si staglia davanti alla parete della cappella interamente decorata da icone sacre.

L'altare della Crocifissione

Il punto in cui fu eretta la croce è indicato dal disco d’argento sotto l’altare della crocifissione.
Ai lati dell'altare alcune vetrate sul pavimento mostrano la roccia del Golgota, la collina dove fu crocefisso Gesù.

La finestra sul Golota

Dalla finestra a destra dell’altare è possibile vedere la crepa sulla roccia che si è aperta durante il terremoto che la tradizione racconta essersi verificato nel momento della morte di Gesù.

XIII° STAZIONE: GESÙ VIENE TOLTO DALLA CROCE

Tornando giù la prima cosa che incontrerete, proprio davanti all’entrata della chiesa, è il letto di pietra rossa dell’unzione che segna la tredicesima stazione.

Il letto di pietra su cui fu adagiato il corpo di Gesù

Si dice sia stata la pietra su cui è stato adagiato il corpo di Gesù dopo la morte, cosparso di unguento e preparato per la sepoltura.

Il letto di pietra su cui fu adagiato il corpo di Gesù

Molti credenti si inginocchiano e la baciano, strofinano la pietra con fazzoletti o oggetti di ogni genere, sperando che possano assorbire la santità del luogo.

Il mosaico alle spalle del letto di pietra della tredicesima stazione

Sulla parete alle sue spalle un grande mosaico a sfondo dorato racconta le tre stazioni che si trovano all'interno della Basilica, al centro è raffigurata la preparazione del corpo prima di essere portato al sepolcro.

XIV° STAZIONE: IL SEPOLCRO DI GESÙ

Lasciandosi la tredicesima stazione alle spalle e girando a sinistra, dopo qualche metro si raggiunge il Santo Sepolcro che si trova proprio al centro della chiesa sotto una grande cupola decorata con stelle e raggi dorati.

La cupola sotto la quale sorge il Santo Sepolcro

Sul luogo del sepolcro oggi sorge un piccolo edificio in marmo, bisogna girarci intorno facendo la fila prima di entrare.

L'entrata del Santo Sepolcro

L'interno è composto di due piccole stanze: la prima è la Cappella dell’Angelo, il luogo in cui, secondo le scritture, le donne vennero tre giorni dopo la morte di Gesù trovando la tomba vuota e un angelo seduto sulla pietra ovale che la chiudeva. L’Angelo disse loro che Gesù era risorto.

I resti della pietra che chiudeva il Santo Sepolcro

I resti di questa pietra sono al centro della piccola stanza coperti da una teca.

La seconda stanza, la più piccola, sorge nel luogo in cui venne sepolto Gesù, qui entrano tre persone per volta e si ha circa un minuto prima di dover lasciare il posto agli altri fedeli in attesa.

Il Santo Sepolcro

All'interno vi è un letto di marmo bianco adornato da candele e un quadro che raffigura l'assunzione di Gesù. Anche qui i fedeli passano sul marmo collane, croci di legno e tutti gli oggetti che vogliono in qualche modo impregnare della sacralità del luogo.

LA PROCESSIONE SETTIMANALE

Ogni venerdì, alle 15.00 in inverno e alle 16.00 in estate, si svolge una processione guidata dai frati francescani che percorrono tutte le 14 stazioni in preghiera insieme a numerosi pellegrini e fedeli residenti. Il punto di partenza è dal cortile interno della scuola islamica presente alla prima stazione.

Ora che avete un'idea chiara di cosa c'è da vedere cliccate qui per leggere i nostri consigli pratici su come visitarla da soli oppure guardate il video o la fotogallery completa.

Se ti è piaciuto l'articolo puoi condividerlo sui tuoi social o lasciarci un commento qui sotto 😁

Aggiornato il: 15 apr 2018
Presente in: Gerusalemme Tags:

Commenti (0)

Commenta

Commenta o fai una domanda